Ludopatia: cosa fanno le istituzioni per contrastarla?

ludopatia

La polemica fra stato e organizzazioni che combattono la ludopatia nel nostro paese è molto accesa, perché sappiamo bene che lo stesso governo guadagna introiti molto importanti dal gioco, ovvero è in un certo senso ‘promotore’ della ludopatia. Ma cosa può fare concretamente il governo in questo caso e cosa è stato fatto nel passato?

Tante sono state le campagne per combattere la ludoterapia, apparse in televisione, nei siti web e anche con manifesti stradali. Le campagne son state realizzate con la volontà di concentrarsi sulle fasce di popolazione che vengono maggiormente considerate a rischio, come i giovanissimi e le persone anziane, ma un emendamento si sta affacciando alla nuova legge di stabilità, il quale introdurrà non poche novità sull’argomento.

Di base è stato deciso che il prelievo erariale unico sulle Newslot sarà aumentato e sarà vietata la pubblicità che interessa i giochi con vincita in denaro nelle tv generaliste e nelle radio dalle ore 7.00 alle ore 22.00. L’emendamento si è impegnato anche a escludere la sponsorizzazioni, ovvero le società che lavorano nel settore delle scommesse e del gioco non potranno più sponsorizzare attività inerenti alla cultura, alla ricerca, allo sport, all’assistenza e alla sanità.

Le normative per combattere la ludopatia in Italia

Secondo la nuova normativa, il rilascio del nulla osta per gli apparecchi Awp potrà essere consentito solo in sostituzione a quelli esistenti, bloccano la possibilità che ne vengano aggiunte di ulteriori. La legge inasprisce quindi le sanzioni amministrative nel gioco illegale, in particolare per quanto riguarda i Totem che consentono di effettuare collegamenti su siti e piattaforme di gioco on line. Lo stato ha quindi deciso di creare un fondo con 50 milioni di euro destinati alla cura della ludopatia, il che si associa all’entrata nei livelli essenziali di assistenza, i Lea, delle persone che soffrono di dipendenza da gioco.

Un soggetto che riconosce di soffrire di ludopatia può infatti ricevere cure mediche specifiche impiegando il sistema sanitario nazionale e questo fatto si propone essenziale soprattutto per le fasce di popolazione più indigenti. Ovviamente esistono anche strutture di carattere privato, che si impegno a curare la ludopatia offrendo servizi di sanità privata a pagamento.

Lo stato ha quindi dichiarato di avere pronte delle campagne pubblicitarie che saranno emanate a periodi alterni, al fine di sensibilizzare i cittadini sull’argomento della dipendenza da gioco. La questione si rivela però essere sempre speciale, ovvero lo stato che regola la diffusione del gioco d’azzardo deve impegnarsi a promuovere un gioco consapevole, il che si propone come un’utopia in certi casi e come un obiettivo davvero difficile da raggiungere, perché viene letto come un vero e proprio controsenso da parte degli stessi cittadini del nostro paese.

Al contempo il gioco potrebbe cadere in mano alle lobby del settore e quindi diventare assolutamente incontrollabile nel presente. Si tratta a conti fatti di una situazione molto spinosa, che vede il governo battersi da molto tempo per una regolamentazione più consona e a favore del cittadino sulle slot machine, strumenti di gioco dove il controllo è scarso e dove da sempre prospera molta dell’illegalità legata al settore delle scommesse e del gioco.

Commenta

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Centro San Nicola

Checking...

Ouch! There was a server error.
Retry »

Sending message...

Hai bisogno di aiuto?

Se pensi di avere bisogno di aiuto, per te o per un familiare, contattaci e ti aiuteremo.

Il/la sottoscritto/a dichiara di aver acquisito le informazioni contenute nella informativa ai sensi dell’art. 13 d.lgs. n. 196/2003, e di prestare il consenso ai sensi dell’art. 23 d.lgs. n. 196/2003 per il trattamento dei propri dati personali per le finalità di cui all’informativa.


Captcha

4 - 2 =