Dipendenza da videogiochi nei bambini

dipendenza videogiochi bambini

Tra le forme di divertimento e di svago più amate dai bambini di ogni età, i videogiochi rivestono senza dubbio un ruolo importante in tempi in cui la multimedialità è alla base della maggior parte delle esperienze quotidiane. L’attività ludica si è prevalentemente spostata dalle sue forme “tradizionali” a quelle più sofisticate e ricche di stimoli, tra cui le avventure degli eroi preferiti dai bambini su schermo.

L’uso dei videogiochi da parte dei bambini è spesso, a causa di disinformazione, visto come porta d’ingresso ad alcune dipendenze che potranno poi modificare il comportamento del piccolo negli anni successivi portandolo a quella che può essere definita una compulsione nello sfogare i propri istinti repressi. In particolare questo accadrebbe giocando in particolar modo con la categoria degli shooter (sparatutto), uno dei generi tradizionalmente attribuiti all’aumento di violenza nei giovani. Ma, nonostante l’allarmismo, è possibile favorire un rapporto equilibrato ed addirittura fruttuoso con i videogiochi, fino a farli diventare compagni di crescita e non considerarli come percorso di accesso alle dipendenze.

Come funziona la dipendenza da videogiochi nei bambini

Nonostante spesso si attribuisca, infatti, un ruolo di depersonalizzazione ai giochi su schermo, le moderne alternative studiate per PC e console consentono ai nostri bambini di condividere il loro divertimento con altri coetanei o adulti. Giocando assieme e godendo in questo modo della possibilità di condividere le proprie esperienze, in particolar modo affrontando videogame educativi, possono usufruire di una forma di istruzione propedeutica alla scuola o incentivare l’apprendimento personale.

Il piacere del videogioco può inoltre evitare di trasformarsi in dipendenza pura tanto più quanto il bambino è consapevole di ciò che sta facendo davanti alla console o al proprio computer. In tal modo viene incentivato a provare giochi di ragionamento o di cultura generale, assieme ai più classici basati su piattaforma, in grado di accrescere lo sviluppo di abilità di ragionamento che gli saranno certamente utili anche nel tempo dedicato ad altre attività, sportive o di gruppo.

Stabilire un rapporto sano con i videogames moderni è quindi possibile: è fondamentale evitare le componenti di angoscia e di rabbia che derivano dal mancato raggiungimento degli obiettivi proposti dal gioco. Questi eventi sono in grado di promuovere una vera e propria dipendenza priva di controllo anziché un rapporto di crescita e di apprendimento capace di stimolare creatività e capacità logiche nel bambino attraverso il videogioco attentamente scelto.

Commenta

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Centro San Nicola

Checking...

Ouch! There was a server error.
Retry »

Sending message...

Hai bisogno di aiuto?

Se pensi di avere bisogno di aiuto, per te o per un familiare, contattaci e ti aiuteremo.

Il/la sottoscritto/a dichiara di aver acquisito le informazioni contenute nella informativa ai sensi dell’art. 13 d.lgs. n. 196/2003, e di prestare il consenso ai sensi dell’art. 23 d.lgs. n. 196/2003 per il trattamento dei propri dati personali per le finalità di cui all’informativa.


Captcha

1 + 2 =